HARVESTER

Si offrono servizi di progettazione per la cantierizzazione e la logistica di cantieri forestali.

L’abbattitrice Harvester della Neuson ecotec è una macchina sicura ed affidabile, in grado di esprimere notevoli performance tecnico operative. L’esperienza ventennale nel settore della costruzione di macchine per la forestazione ha permesso alla Neuson la costruzione di questo modello completamente meccanizzato, che grazie al suo design compatto, garantisce un’eccellente manovrabilità. Le condizione del terreno, le difficoltà di accesso, le pendenze non costituiscono ostacoli insormontabili all’operatività di questo mezzo; la possibilità di rotazione fino a 360°, la capacità di regolare la pendenza fino a +25° in avanti e +/-15° all’indietro, le consentono di operare in situazioni estreme.

seite 1_bild 1

Vantaggi dell’alta meccanizzazione:
Per le imprese che intendono usufruire di questo servizio i vantaggi di un sistema di lavoro altamente meccanizzati sono:

  • alta produttività rispetto a sistemi tradizionali (teorica fino a 4-6 volte superiore; effettiva dipende dalle condizioni di cantiere, organizzazione, criteri di assegnazione delle piante da utilizzare, esperienza degli operatori ecc.);
  • maggiore sicurezza ed ergonomia nel lavoro, in particolare in zone accidentate e in presenza di schianti da vento;
  • contenimento della necessità di manodopera;
  • la possibilità di lavorare anche con cattivo tempo (l’operatore è in cabina);
  • in genere riduzione dei costi di utilizzazione;
  • riduzione dell’esbosco a strascico e quindi della costipazione del suolo forestale e dei danni agli apparati radicali grazie alla diminuzione delle piste e dei percorsi di esbosco.

Il vantaggio della presenza di imprese dotate di macchine moderne ad alta produttività si ripercuote anche sui proprietari forestali: riduzione dei costi, riduzione degli infortuni, sicurezza della continuità del lavoro forestale; e ha risvolti anche nel pubblico interesse, in caso di eventi calamitosi come bostrico (insetto della famiglia bostrichidi) e schianti per eventi meteorici di particolare intensità.

Il comparto delle imprese di seconda trasformazione (segherie) beneficia della presenza di imprese di utilizzazione efficienti, in grado di fornire materiale locale con continuità, nei tempi e con le caratteristiche richieste, senza perdite qualitative (materiale fresco, portato in tempi brevi dal bosco alla segheria, con una drastica riduzione della scortecciatura in bosco).

Logistica:
Si tratta in tutti i casi di macchine molto specializzate, con produttività potenzialmente molto elevate e di costo (di acquisto e di esercizio) rilevante. La logistica del cantiere diventa essenziale per il risultato finale del lavoro e deve essere valutata con attenzione.
La produttività complessiva sarà condizionata dalle operazioni a più bassa produttività e dalla possibilità di eseguire le fasi di lavoro in modo relativamente indipendente, creando delle riserve di materiale che permettono una parziale sfasatura delle singole operazioni. Va sempre considerata la produttività ottenibile nelle particolari condizioni di lavoro, che può essere sostanzialmente diversa da quella potenziale, in condizioni ottimali.
La disponibilità di spazio sufficiente all’imposto diventa un elemento fondamentale per l’organizzazione del cantiere e può permettere di rendere più flessibile il processo (esbosco con teleferica, allestimento, cippatura dei residui, asporto dei prodotti).
Essenziale risulta la pianificazione delle operazioni, che deve considerare fin dall’inizio (progetto di taglio) il tipo di esbosco.
Anche la dimensione del lotto in lavorazione è importante: le macchine sono costose anche da spostare e quindi è necessario che il cantiere abbia una durata e una dimensione minima, tale da compensare le spese di installazione.